Loading...

Tempi moderni: dal 26 marzo The Independent uscirà solo online

0
506
Loading...
Loading...

Giornali

L’avvento di internet indubbiamente ha segnato una nuova epoca influenzando a 360 gradi il mondo dell’informazione. D’altronde la rete è un formidabile veicolo di informazione e libera circolazione delle stesse, anche se non sempre ne viene vagliata l’attendibilità, sono liberamente fruibili dal lettore e spetta a proprio a quest’ultimo sottoporle a un vaglio critico. Di questo cambiamento epocale nel mondo dei media, ne hanno particolarmente risentito le testate gornalistiche tradizionali che molto spesso non sono state in grado di mettersi al passo coi tempi oppure si sono trincerate dietro battaglie di retroguardia per difendere lo status quo con logiche editoriali anacronistiche e logore non più adeguate al sistema di oggi. Questa realtà riguarda sopratutto l’Italia, ma non l’Inghilterra, la patria del giornalismo. A tal proposito la prestigiosa testata The Independent che a fine anni 80′ vendeva 400mila copie attualmente è scesa a 58mila. A fronte di questi dati che indicano un declino inesorabile, l’editore del giornale, il russo Eugeny Lebedev, ha annunciato che The Independent su carta chiuderà il prossimo 26 marzo. L’editore ha comunicato la decsione ai dipendenti spiegando che farà degli investimenti importanti per implemetare la presenza online del quotidiano britannico. Si tratta del primo giornale britannico ad abbandonare del tutto la carta stampata a favore dell’edizione completamente digitale.

 

D’altronde la decisione del The Indipendent prefigura il nuovo scenario con cui dovranno confrontarsi le testate giornalistiche che sono attese al varco: o si adeguano ai tempi e accettano di misurarsi con i nuovi scenari aperti dal web, oppurre andranno incontro a una sempre maggiore emorragia di lettori.

Loading...
Loading...