Loading...

Mamme, attente! Non condividete la nuova catena di Facebook

0
Loading...
Loading...

facebook

Il modo migliore per rendere virale un post è lanciare una catena di Sant’Antonio, meglio ancora se su un social di successo come Facebook, dove ogni giorno si collegano milioni e milioni di utenti. La polizia postale ha individuato di recente una catena che recita così: “Sfida delle mamme. Sono stata nominata da @@@@@@ per postare 3 foto che mi rendano felice di essere mamma. Scelgo alcune donne che ritengo siano grandi madri. Se sei una madre che ho scelto copia questo testo inserisci le tue foto e scegli le grandi madri”. E’ una classica sfida social, una mamma posta la foto del proprio bimbo e invita le altre a fare altrettanto, e quanto si innesca questo meccanismo è difficile bloccarlo. In realtà sembra che si tratti di una trappola creata da pedofili, per invitare le mamme a mettere su Facebook le foto dei loro bambini. Il post della polizia avvisa: “Mamme.Tornate in voi. Se i vostri figli sono la cosa più cara al mondo, non divulgate le loro foto in Internet. O quantomeno, abbiate un minimo di rispetto per il loro diritto di scegliere, quando saranno maggiorenni, quale parte della propria vita privata condividere.Se questo non vi basta, considerate che oltre la metà delle foto contenute nei siti pedopornografici provengono dalle foto condivise da voi”.

 

La cosa triste è che alcune mamme hanno ben pensato di sollevare delle polemiche inutili, sottolineando il fatto di essere libere di fare ciò che ritenevano opportuno. Libertà che però non viene concessa ai propri figli ancora piccoli, che non hanno quindi la facoltà di scegliere. Per il loro bene è meglio non condividere loro foto né su Facebook né su altri social.

Loading...
Loading...