Loading...

Referendum Trivelle, Greenpeace: Renzi vota sì ma è solo uno scherzo

0
695
Referendum Trivelle
Loading...
Loading...

Referendum Trivelle

Greenpeace a proposito del referendum sulle trivelle che si svolgerà il 17 aprile prossimo, ha diffuso un volantino con l’immagine di Matteo Renzi che recita: “Al referendum del 17 aprile vota Sì i 17 aprile la rottamaazione continua. Liberiamo i nostri mari, la rittamzazione continua“. Questo volantino è stato distributo dai volontari della nota associazione ambientalista in 30 città italiane per ricordare: “gli impegni presi da Renzi in materia di energia appena due anni fa, e oggi smentiti dal sostegno alle trivelle e dai tanti provvedimenti che sfavoriscono le rinnovabili“. In particolare così Greenpeace esplicita il proprio punto di vista: “Solo due anni fa Matteo Renzi voleva far crescere le fonti rinnovabili fino al 50% per rivoluzionare il sistema energetico italiano. Se le promesse non fossero solo parole, oggi Renzi ti avrebbe certamente invitato a votare ‘Sì’ al referendum contro le trivelle del 17 aprile. Invece sta boicottando il voto per difendere gli interessi dei petrolieri”. Inoltre stando ai dati diffusi dall’associazione ambientalista l’anno scorso si sono persi 4 mila posti di lavoro nel solo settore eolico. Inoltre mentre nel 2012 sono stati posti in essere 150mila nuovi impianti fotovoltaici, nel primo anno del governo Renzi ne sono stati messi in funzione solo 722. Al di là delle palesi contraddizioni in materia espresse dal governo Renzi, votare sì al referendum significa rifiutare questo modello di crescita basato sullo sfruttamento del petrolio e dei combustibili fossili che depauperano le risorse ambientali in quanto risultano molto inquinanti e pertanto dovrebbero essere sostituiti a beneficio di soluzioni compatibili con la preservazione dell’ambiente. Certo ciò significherebbe anche intervenire sugli stili di vita di ciascuno che ci obbligherebbero in primo luogo a ridurre i consumi, sacrificio che molti non sarebbero disposti a compiere.

 

Inoltre ricordiamo che nel caso in cui venga il no invece o non si raggiunga il quorum queste estrazioni off shore entro le 12 miglia proseguiranno a tempo indefinito sino all’esaurimento del giacimento.

Loading...
Loading...