Loading...

Facebook, tra 5 anni addio al testo scritto, solo video: rivoluzione o passo indietro?

0
630
Facebook barzelletta carabinieri
Loading...
Loading...

Facebook

Sembra un po’ la vecchia storia secondo cui quando si presenta una novità in qualsiasi campo questa sarebbe inevitabilmente destinata a soppiantare quanto già esiste. Lo si diceva ad esempio a proposito della televisione che avrebbe dovuto spiazzare via la radio ed invece quest’ultima gode di ottima salute, come ben sappiamo. Allo stesso modo potrebbe quindi intendersi l’ultima novità annunciata da Nicola Mendelsohn, Vice Presidente di Facebook per Europa, Medio Oriente e Africa, secondo cui nei prossimi 5 anni sulle bacheche inline scomparirà il testo scritto e verranno pubblicati soltanto video. E’ pur vero che in  questa epoca multimediale l’immagine e quindi foto e video hanno preso nettamente il sopravvento sulla scrittura. Così in particolar ha dichiarato Mendelsohn al Fortune’s Most Powerful Women International Summit, che si è svolto a Londra: “Se dovessi fare una scommessa direi: video, video, video. Il miglior modo per raccontare una storia ai tempi d’oggi è il video, fornisce molte informazioni in pochissimo tempo”. D’altronde solo nell’ultimo anno grazie al lancio delle dirette streaming con Facebok Live le visualizzazioni quotidiane dei video sulla piattaforma sono schizzare da 1 a 8 miliardi al giorno! Un avanzamento che sembra inarrestabile ormai. Questi video in diretta ricevono 10 commenti in più rispetto a quelli preregistrati. Insomma il tsto scritto pare decissamente in declino rispetto ai video che offrono una presa diretta dell’avvenimento. Vedremo cosa sucederà tra questi 5 anni. D’altronde se il video si presta a una fruizione immediata, il testo serve a farci riflettere, a dare un senso a quanto accade, a fornire una chiave di lettura. In effetti non è un caso che Mark Zuckerberg dopo aver consolidato il suo social network con delle buone operazioni di marketing, ha deciso di lanciare Facebook anche nei mercati azionari, ottenendo finora dei buoni risultati. Il titolo ha esordito nel Nasdaq di New York nel maggio del 2012 con un collocamento che ha raggiunto i 38 dollari, valore che nel corso dell’anno successivo non ha fatto registrare sostanziali crescite, ma che ha iniziato una fase rialzista a partire dall’estate 2014, raddoppiando di fatto il prezzo. Ora le quotazioni del social più diffuso al mondo si attestano intorno ai 120 dollari e le prospettive di crescita sono piuttosto promettenti, grazie alle graduali innovazioni introdotte dall’azienda e alla diffusione dell’applicazione nei mercati emergenti.

 

Evidentemente in questa proposta bulimica di contenuti da consumare, c’è sempre meno tempo e meno spazio per riflettere e quindi per capire.

Loading...
Loading...