Loading...

Africa: scoperta una nuova specie di gufo

0
9
Loading...
Loading...

La natura ci riserva sempre sorprese. Benché l’uomo sembra fare di tutto per alterarne i delicati equilibri, l’ambiene dispone di una forza di auto-conservazione che supera ogni ostacolo. In particolare una nuova specie di gufo è stata identificata nell’isola di Príncipe, la più piccola delle due principali isole dello Stato di São Tomé e Príncipe in Africa centrale. L’uccello è ora ufficialmente conosciuto come l’Assiolo Principe, o Otus bikegila.

La nuova specie di gufo è stata descritta in uno studio sottoposto a revisione paritaria sulla rivista ad accesso aperto ZooKeys sulla base di molteplici linee di evidenza come morfologia, colore e pattern del piumaggio, vocalizzazioni e genetica. I dati sono stati raccolti ed elaborati da un team internazionale presso il Centro di ricerca sulla biodiversità e le risorse genetiche dell’Università di Porto (CIBIO) guidato da Martim Melo del Museo di Storia Naturale e Scienze dell’università, Bárbara Freitas del Museo Nazionale Spagnolo di Scienze Naturali e Angelica Crottini.

Questa specie è stata inizialmente scoperta dagli scienziati nel 2016, anche se i sospetti sulla sua presenza hanno iniziato a diffondersi a partire dal 1998 e le testimonianze delle popolazioni locali suggeriscono che la sua esistenza potrebbe essere fatta risalire al 1928.

“Anche se può sembrare strano che una specie di uccelli rimanga sconosciuta alla scienza per così tanto tempo su un’isola così piccola, questo non è affatto un caso isolato quando si tratta di gufi”, affermano i ricercatori. “Ad esempio, l’Assiolo d’Anjouan è stato riscoperto nel 1992, 106 anni dopo la sua ultima osservazione, sull’isola di Anjouan (conosciuta anche come Ndzuani) nell’arcipelago delle Comore, e l’Assiolo di Flores è stato riscoperto nel 1994, 98 anni dopo il rapporto precedente”. Gli scienziati dietro la scoperta hanno spiegato che l’epiteto della specie “bikegila” è stato scelto in omaggio a Ceciliano do Bom Jesus, soprannominato Bikegila, un ex raccoglitore di pappagalli dell’isola di Príncipe e ora guardia forestale del suo parco naturale. “La scoperta dell’Assiolo Principe è stata possibile solo grazie alle conoscenze locali condivise da Bikegila e ai suoi incrollabili sforzi per risolvere questo mistero di lunga data”, hanno affermato i ricercatori. “In quanto tale, il nome è anche inteso come un riconoscimento a tutti gli assistenti sul campo locali che sono cruciali per far avanzare le conoscenze sulla biodiversità del mondo”. La specie appena scoperta si trova a basse quote dell’antica foresta nativa di Príncipe, attualmente limitata al sud dell’isola ma completamente inclusa nel Parco Naturale Príncipe Obô. L’intera isola del Principe è stata ampiamente sondata per determinare la distribuzione e la dimensione della popolazione della nuova specie, stimata in circa 1000-1500 individui.

Questa è l’ottava specie conosciuta di uccelli endemici di Príncipe, evidenziando ulteriormente il livello insolitamente alto di endemismo degli uccelli per quest’isola di soli 139 kmq. In natura, il modo più semplice per riconoscere la nuova specie sul campo era il suo richiamo unico: infatti, era uno dei principali indizi che portarono alla sua scoperta. Il richiamo è, curiosamente, molto simile a una specie di Otus lontanamente imparentata, il Sokoke Scops-Owl O. ireneae . “Il richiamo unico di Otus bikegila è una breve nota “tuu” ripetuta a una velocità elevata di circa una nota al secondo, che ricorda i richiami degli insetti. Viene spesso emesso nei duetti, non appena scende la notte”, spiega Melo. Anche se una nuova specie di assiolo è stata appena descritta da Príncipe, i dati genetici hanno indicato che l’isola è stata, sorprendentemente, probabilmente la prima nel Golfo di Guinea ad essere colonizzata da una specie di assiolo. La scoperta di una nuova specie di uccelli rappresenta sempre un’occasione per festeggiare e un’opportunità per raggiungere il grande pubblico sul tema della biodiversità.

Loading...
Loading...