Loading...

Dieta: le noci prevengono tumori e malattie cardiovascolari

0
597
Noci Salute
Loading...
Loading...

Stando a uno studio condotto dall’Imperial College e dell’Università Norvegese di Scienza e Tecnologia l’assunzione quotidiana di noci si rivelerebbe efficace nel prevenire tumori e patologie cardiovascolari. I ricercatori hanno passato in rassegna i dati di 29 ricerche effettuate nel mondo su un totale di 819mila partecipanti, tra cui sono stati accertati casi di ictus, malattie cardiovascolari. Dallo studio è emerso che consumando 20 grammi di noci al giorno si è assistito a una riduzione del rischio di malattia coronarica, cancro e morte prematura, rispettivamente del 30, 15 e 22%. Inoltre il consumo regolare di noci si è rivelato efficace anche nel ridurre il rischio di morire a causa di malattie respiratorie e di diabete. Stando auna indagine condotta dalla Coldiretti ogni anno ne vengono consumate più di 45 chili con un aumento di circa il 60% nel corso degli ultimi 10 anni. In effetti questo frutto è stato nettamente rivalutato negli ultimi anni: in passato si tendeva a limitarne i consumi perché si riteneva che contenessero molte calorie. Negli anni 70′ si producevano ben 80 milioni di chili di noci all’anno, produzione che negli anni successivi ha subito un notevole decremento tanto che è scesa a 11 milioni di chili. In realtà gli ultimi studi scientifici evidenziano che le noci sono un prezioso alleato per la nostra salute: contengono sostanze molto utili quali fosforo, rame, zinco , ferro calcio e ogni 100 grammi contengono A B2, B9 (acido folico) C, F e P. Fondamenatle anche la presenza dei grassi monoinsaturi e soprattutto di quelli polinsaturi (Omega-3 e OMega-6) che riducono il livello del colesterolo “cattivo” nel sangue

 

Ma a cosa si devono queste proprietà benefiche delle noci? Nello specifico le noci e gli arachidi in generali sono ricchi di fibre, magnesio e grassi polinsaturi (omega-3 soprattutto), tutte sostanze che aiutano aridurre il colesterolo in eccesso. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista BMC Medicine.

Loading...
Loading...