Totti e le 8 viti nella caviglia: le rivelazioni del medico che l’ha operato

0
53

Francesco TottiFrancesco Totti che nel maggio scorso ha dato l’addio al calcio nel corso della sua lunga carriera non ha subito infortuni gravi a differenza dei suoi colleghi, eccetto quanto gli capitò nel febbraio del 2006, quando nel corso di un contrasto molto forte con l’allora difensore dell’Empoli Richard Vanigli, l’ex capitano giallorosso subisce una: “frattura al livello del terzo medio del perone sinistro con associata lesione capsulo-legamentosa complessa del collo del piede sinistro”. Il referto fece sobbalzare non soltanto i tifosi giallorossi ma anche quelli delle altre squadre perché si temeva che con un infortunio del genere Totti avrebbe rischiato di saltare i mondiali del 2006 che l’Italia avrebbe poi vinto. A operarlo fu il professore Pier Paolo Mariani, uno dei più noti luminari dell’ortopedia europea. A 12 anni di distanza, nel corso di una intervista rilasciata a Il Tempo, il professore Mariani rivela un curioso retroscena: “Ha ancora le viti nella gamba, avrebbe dovuto toglierle dopo 7 mesi ma non lo fece per paura”. E aggiunge: “Non è una buona cosa avere quel pezzo di metallo in corpo.

loading...

Con la placca non potrei fargli una risonanza alla caviglia, se dovesse riavere un piccolo trauma lì la presenza delle viti mi creerebbe dei problemi. Ma tanto ormai fa il dirigente”.