Loading...

Paracetamolo: una scoperta che fa venire i brividi

0
Loading...
Loading...

paracetamolo scoperta

Scoperta scioccante sul paracetamolo. Lo studio pubblicato nella rivista medica “Medical Journal Australia” ha evidenziato che il paracetamolo, che usiamo per alleviare il dolore, risulterebbe in realtà inefficace per la maggior parte delle condizioni di dolore. Una nuova ricerca è giunta a una conclusione sorprendente circa la sua efficacia.

Alcune affermazioni sul sollievo dal dolore sono davvero vere? I farmaci a base di paracetamolo non sono più efficaci di un placebo per le malattie o le lesioni più comuni, ha rivelato una revisione medica del farmaco. L’uso più inefficace del paracetamolo è quando viene assunto per il mal di schiena acuto, hanno concluso i ricercatori dell’Università di Sydney in una revisione per il Medical Journal of Australia.

I ricercatori hanno condotto revisioni sistematiche che confrontavano le prove degli effetti analgesici del paracetamolo con il placebo (soluzione salina o acqua sterile) nel trattamento di quasi 50 comuni condizioni di dolore. È stato scoperto che solo l’artrosi del ginocchio e dell’anca, la craniotomia, la cefalea tensiva e il dolore perineale dopo il parto erano ricettivi al farmaco. “Sebbene il paracetamolo sia ampiamente utilizzato, la sua efficacia nell’alleviare il dolore è stata stabilita solo per una manciata di condizioni e i suoi benefici sono spesso modesti”, ha rilevato la revisione. “L’evidenza di qualità alta o moderata che il paracetamolo (tipicamente 0,5-1 g, dosi singole o multiple) è superiore al placebo per alleviare il dolore era disponibile solo per quattro delle 44 condizioni dolorose esaminate”. Il paracetamolo è l’antidolorifico più comunemente usato in Australia.

Ma non ci sono prove sufficienti per supportare la capacità del paracetamolo di alleviare il dolore associato a emicrania, dolore post-operatorio, procedure dentali, infezioni dell’orecchio medio infantile, mal di schiena, dolore addominale e comuni mal di testa legati al raffreddore.

“Per la maggior parte delle condizioni di dolore semplicemente non abbiamo prove definitive per sapere se funziona o meno”, ha detto a NCA NewsWire l’autore principale della recensione, la dott.ssa Christina Abdel Shaheed. “Per il mal di testa da tensione sappiamo che funziona meglio del placebo, ma per la maggior parte delle altre condizioni semplicemente ci mancano le prove per poter fare affermazioni forti o definitive sull’efficacia del paracetamolo”. “Questa revisione MJA per la prima volta raccoglie tutte le prove sull’efficacia del paracetamolo per trattare il dolore insieme in un unico documento”, ha detto il dottor Abdel Shaheed. Anche la commercializzazione dei farmaci a base di paracetamolo doveva cambiare, raccomanda la revisione. “Le linee guida per il dolore alla schiena dovrebbero smettere di raccomandare il paracetamolo”, ha detto il dottor Abdel Shaheed. “Circa il 50% delle linee guida per il mal di schiena consiglia ancora il paracetamolo, anche se ora sappiamo che è inefficace per il mal di schiena. “La nostra revisione evidenzia la necessità di studi ampi e di alta qualità per ridurre l’incertezza sull’efficacia del paracetamolo per alleviare le comuni condizioni di dolore.”

La revisione MJA, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,  è un duro colpo per il paracetamolo, che nel 2018 è diventato l’analgesico da banco più dominante a seguito della decisione di prescrivere solo farmaci per la codeina.

Attenzione ai prodotti farmaceutici da banco

I prodotti farmaceutici da banco, sono quelli che non richiedono la prescrizione medica, tuttavia non bisogna prenderli alla leggera in quanto vanno osservate le stesse indicazioni valide per i farmaci, per cui vanno assunti solo quando ve n’è una reale necessità.

In particolare stando alla notizia riportata dal Daily Mail che tiene conto di una ricerca condotta dal Leeds Institute for Rheumatoc and Musulosckeletal Medecine, un uso prolungato del paracetamolo, uno dei prodotti da banco più diffusi, aumenterebbe del 68% i rischi di infarto e ictus.

I ricercatori hanno condotto uno studio su 666mila pazienti in ogni parte del mondo per studiare gli effetti a lungo termine dell’assunzione prolungata del paracetamolo sulla salute. Soprattutto lo assumevano i pazienti che soffrivano di artite o di dolori frequenti. Inoltre dagli stessi medici il paracetamolo viene considerato più sicuro di un anti-dolorifico molto comune qual è l’aspirina, quando in realtà presenta degli effetti collaterali da non sottovalutare: di fatto inibendo l’azione della prostaglandine, un mediatore che svolge un ruolo chiave nei processi infiammatori, aumenta il rischio di ulcera o emorragie.

Insomma stando a quanto rilevato da questa ricerca se l’assunzione viene protratta nel tempo potrebbero verificarsi dei danni alla salute piuttosto seri come ictus o infarti.

Tuttavia è lo stesso autore di questa ricerca, Philip Conaghan, ad invitare alla prudenza in quanto i pazienti che hanno usato e in alcuni casi abusato del paracetamolo potrebbero essere deceduti a seguito di malattie insorte indipendentemente dall’assunzione dl farmaco. Tuttavia saranno necessarie altre ricerche per avallare un nesso di causalità tra l’uso del paracetamolo e l’aumento dell’incidenza di infarto e ictus.

 

Loading...
Loading...