Loading...

Germania, i ricercatori di Ulm trovano impurità nel vaccino Astrazeneca

0
30
Vaccino
Loading...
Loading...

Vaccino

I ricercatori tedeschi dell’Università di Ulm, hanno rilevato la contaminazione nel vaccino anti Covid – 19 di AstraZeneca. I lotti esaminati contenevano proporzioni maggiori di proteine ​​umane e virali che non fanno parte del vaccino. Sembra che queste proteine ​​provengano dalle colture dei virus vettori, come riporta il gruppo di ricerca. È concepibile che questa contaminazione possa influenzare l’effetto del vaccino e possibilmente anche promuovere effetti collaterali come la trombosi della vena sinusale. Tra i vaccini contro il coronavirus, il vaccino di AstraZeneca ha già attirato più volte un’attenzione negativa: nell’approvazione c’erano ambiguità con il dosaggio e l’efficacia in alcuni casi era significativamente inferiore rispetto ai vaccini a mRNA. Inoltre, il vaccino vettoriale a base di adenovirus dello scimpanzé sembra promuovere la trombosi venosa cerebrale come effetto collaterale raro ma potenzialmente pericoloso. Questi sono probabilmente innescati da una reazione autoimmune indotta dal vaccino.

Alla ricerca di un possibile innesco per questo effetto collaterale, Lea Krutzke e i suoi colleghi dell’Università di Ulm hanno esaminato i campioni di tre lotti del vaccino AstraZeneca per i loro ingredienti. Per fare ciò, hanno prima confrontato le bande proteiche dei campioni di vaccino, rese visibili mediante colorazione con argento ed elettroforesi su gel, con quelle del proprio vettore di adenovirus purificato. Il risultato: “Il pattern delle bande nel gel proteico differiva in modo significativo nei due campioni: rispetto al proprio vettore di adenovirus, i campioni di AstraZeneca hanno mostrato un numero significativamente maggiore di bande proteiche che non potevano essere spiegate dal vaccino adenovirale”, spiega il team leader Stefan Kochanek. Anche una determinazione di massa del contenuto proteico ha prodotto un risultato simile: invece dei 12,5 microgrammi teoricamente previsti, i campioni di AstraZeneca contenevano fino a 32 microgrammi di proteine.

Il vaccino AstraZeneca conteneva significativamente più proteine ​​di quanto ci si aspetterebbe dal virus portatore e dai soli additivi noti. Ma che proteine ​​sono? Per scoprirlo, il team di ricerca ha effettuato ulteriori analisi utilizzando, tra le altre cose, la spettrometria di massa. Si è scoperto che il vaccino contiene più di 1.000 proteine ​​e frammenti di proteine, la maggior parte dei quali in realtà non ha posto al suo interno. A seconda del lotto, da un terzo alla metà di queste proteine ​​erano di origine virale, ma fino a due terzi provenivano da cellule umane.

Come spiegano i ricercatori, le proteine ​​virali in eccesso provengono probabilmente da precursori degli adenovirus, che vengono prodotti quando i virus vettori si moltiplicano nelle colture cellulari. Questi includono, ad esempio, capsidi assemblati in modo incompleto, i gusci proteici che circondano il genoma dell’adenovirus. Tra le proteine ​​umane nel vaccino, gli scienziati hanno identificato vari frammenti di componenti cellulari che provengono dal nucleo, dall’apparato del Golgi o dallo scheletro cellulare. Le cosiddette proteine ​​da shock termico e gli chaperon erano particolarmente comuni. Entrambi servono, tra le altre cose, ad aiutare altre proteine ​​a piegarsi correttamente e si formano principalmente durante lo stress cellulare.

“È improbabile che la maggior parte delle proteine ​​trovate abbia effetti negativi sui vaccinati”, spiega Kochanek. “Tuttavia, le proteine ​​da shock termico extracellulare sono note per modulare le risposte immunitarie innate e acquisite e per intensificare le reazioni infiammatorie esistenti. Sono state anche collegate a reazioni autoimmuni”. Secondo i ricercatori, non si può escludere che la contaminazione proteica del vaccino AstraZeneca possa avere effetti indesiderati: “L’iniezione intramuscolare di proteine ​​che non fanno parte del principio attivo del vaccino può produrre effetti a vari livelli”, ha riferito il team. “Alcune di queste proteine ​​potrebbero essere più che semplici seguaci inattivi”. L’eccesso di proteine ​​virali potrebbe ridurre la qualità della risposta immunitaria desiderata e quindi ridurre l’efficacia della vaccinazione. Alcune altre proteine ​​potrebbero potenzialmente esacerbare gli effetti collaterali della vaccinazione: “Riteniamo che i contaminanti proteici qui documentati siano probabilmente coinvolti nei gravi sintomi clinici simil-influenzali spesso osservati uno o due giorni dopo la vaccinazione”, scrivono Krutzke e i suoi colleghi. Con alcune delle proteine ​​da shock termico in particolare, non si può escludere che possano promuovere la reazione autoimmune responsabile della trombosi della vena sinusale. Secondo i ricercatori, la contaminazione del vaccino AstraZeneca necessita urgentemente di ulteriori chiarimenti. “L’elevato numero di contaminanti trovati, almeno alcuni dei quali potrebbero avere effetti negativi, rende necessario rivedere il processo di produzione e il controllo di qualità del vaccino”, sottolinea Kochanek. “Questo potrebbe non solo aumentare la sicurezza, ma anche l’efficacia del vaccino”.

Come spiega il team, la rimozione di tutti i residui proteici dalla coltura cellulare utilizzata per far crescere i virus è solitamente un importante standard di qualità. Nel caso del vaccino AstraZeneca, invece, queste proteine ​​sono evidentemente difficili da rilevare nei test utilizzati per il controllo. Questo è il motivo per cui ora devono essere apportati miglioramenti, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti“.

Loading...
Loading...