Loading...

Epatite bambini nel mondo: scoperta la probabile causa

0
61
Ricerca medica tumori
Loading...
Loading...

Cosa dovresti sapere sull’adenovirus F41, la probabile causa di epatite acuta nei bambini che preoccupa il mondo. Gli esperti ritengono che sia l’innesco, anche se non spiega la gravità dei 169 casi rilevati in 11 paesi e che è già stata dichiarata la prima vittima nel Regno Unito.

Ricerca medica tumori

Adenovirus F41. È il nome che risuona nei media dal 15 aprile, data in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha segnalato la comparsa di un focolaio di epatite acuta di origine sconosciuta in bambini del Regno Unito e dell’Irlanda del Nord. Quando non siamo ancora usciti dalla crisi covid-19, un altro virus con un numero nel suo nome sta creando allarme in tutto il mondo in quanto è probabilmente la causa dei 169 casi di epatite acuta in bambini rilevati in 11 paesi e che hanno già segnalato, ha fatto il primo decesso nel Regno Unito.

I pazienti rilevati in Italia, al momento 4, e il numero di casi continua a crescere nel mondo: Regno Unito e Irlanda del Nord (114), Spagna (13), Israele (12), Regno Stati (9), Danimarca (6), Irlanda (5), Paesi Bassi (4), Norvegia (2), Francia (2), Romania (1) e Belgio (1).

Molti dei bambini che sono stati colpiti dalla malattia hanno riportato precedenti problemi gastrointestinali, come dolore alla pancia, vomito e diarrea; anche ittero (colorazione gialla della pelle, delle mucose o degli occhi), prurito cutaneo, urine scure e feci scarsamente pigmentate. L’assenza di febbre è un altro fattore da tenere in considerazione. I ricercatori stanno lavorando contro il tempo per cercare di trovare l’origine del virus che ha causato questo focolaio e per questo stanno analizzando a fondo le storie cliniche e i contesti ambientali e alimentari dei pazienti.

Poiché i virus che di solito causano l’epatite acuta non sono comparsi in nessuno dei casi, le ipotesi si sono concentrate sull’adenovirus, che è stato rilevato in più di 70 bambini. Tuttavia, l’adenovirus F41 non spiega di per sé la gravità dei casi. Gli adenovirus non sono nemmeno sconosciuti alla scienza, poiché sono agenti infettivi molto comuni nelle persone e sono causa di patologie molto diverse, interessando le membrane delle vie respiratorie, gli occhi, l’intestino, le vie urinarie o il sistema nervoso.

Come si diffonde l’adenovirus? Le malattie causate dagli adenovirus si diffondono dal contatto con le secrezioni di chi è infetto o anche da oggetti contaminati, come il cibo, quindi le misure igieniche sono fondamentali, come ben sappiamo dal covid. Non c’è epatite in Europa che si trasmette attraverso l’aria.L’infezione da adenovirus F41 non ha una prevalenza maggiore in un determinato periodo dell’anno e i bambini di età inferiore ai due anni ne sono più sensibili, come spiegato dagli esperti europei di microbiologia.

I casi più complicati sono quelli in cui i bambini hanno avuto altri problemi di salute pregressi, mentre il trapianto di fegato si presenta come la “soluzione” più comune. Gli esperti hanno escluso categoricamente ogni possibile relazione con il vaccino covid , poiché alcuni dei bambini colpiti non avevano ricevuto alcuna dose. Rifiutano anche la possibilità che si tratti di una nuova “manifestazione” del coronavirus. Non è esclusa l’ipotesi che la causa sia una sostanza tossica ancora sconosciuta, anche se sembra improbabile in quanto non è stato trovato alcun denominatore comune nei casi registrati fino ad oggi. “Un’altra possibilità è che fosse un adenovirus comune, ma ora ha un impatto più grave sui bambini con un sistema immunitario indebolito a causa della mancanza di esposizione ad altri agenti patogeni a causa del confinamento e di altre misure durante la pandemia. Inoltre, non possiamo escludere che la causa è un virus non ancora identificato.

Nel 2007, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, una mutazione dell’adenovirus freddo ha ucciso 10 persone e ne ha ammalate circa 140 negli Stati Uniti.

Loading...
Loading...