Loading...

Vaccino anticovid: 2,4 milioni di over 50 a rischio verbale, già notificati 1,7 milioni di avvisi

0
5
vaccino covid
Loading...
Loading...

Oggi finisce l’obbligo della vaccinazione per gli ultra cinquantenni, insegnanti, personale scolastico e forze dell’ordine ma continuano ad arrivare le multe per chi non ha fatto il vaccino anticovid. 2,4 milioni di over 50 a rischio verbale, già notificati ben 1,7 milioni di avvisi. Il vaccino continuerà a essere obbligatorio fino al 31 dicembre per i medici, il personale sanitario e le Rsa.

vaccino covid

Non pochi: sono 2,4 milioni i nominativi individuati dal ministero della Salute degli over 50 ad oggi che rischiano una multa e che non avrebbero rispettato l’obbligo del vaccino, che scade oggi 16 giugno. A notificare gli avvisi che anticipano l’arrivo di una sanzione di 100 euro, non subito, ma a procedimento ultimato, è l’Agenzia delle entrate-riscossione che ha già trasmesso 1,7 milioni di atti.

Si tratta di comunicazioni di avvio del procedimento sanzionatorio per chi ha commesso la violazione e che danno 10 giorni di tempo per dimostrare di essersi vaccinato o le motivazioni che l’hanno impedito con osservazioni ed eventuali contestazioni da trasmettersi all’Asl competente. Dopo la notifica di una prima trance di 1 milione e 153 mila avvisi alle persone ritenute non in regola da parte del ministero della Salute, attraverso l’Agenzia delle entrate-riscossione, è in corso la notifica di un’ulteriore raffica di atti. La normativa emergenziale anticovid prevede che solo chi non era in regola il primo febbraio, perché non aveva neanche iniziato il ciclo, o comunque, anche dopo quel termine, non lo ha completato, debba pagare la multa. Bisogna dimostrare di essere in regola.

L’iter di contestazione prevede, come detto, che si debba produrre osservazioni alla propria Asl e comunicare all’Agenzia di riscossione (agenziaentrateriscossione.gov.it/) l’avvenuta contestazione. Trattandosi di atti amministrativi ciò non vuol dire che siano immuni da errori. Molti hanno fatto il vaccino all’estero, oppure è in possesso di una valida esenzione cartacea, ossia non registrata. Molti sono anche i casi di chi ha avuto l’infezione, con tampone positivo che in qualche modo non è stato registrato dalla Asl e pure vaccinazioni non ufficializzate.

Come già ribadito, rileva  Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, l’obbligo vaccinale è in vigore fino alla mezzanotte di oggi, 15 giugno, per insegnanti e personale scolastico, forze dell’ordine e in generale tutti i cittadini over 50. Esclusivamente per medici e personale sanitario continuerà tale obbligo fino al 31 dicembre di corrente anno ovvero 2022.

Loading...
Loading...