Loading...

Sciame di insetti in arrivo in Europa: scienziati sorpresi

0
84
Loading...
Loading...

Gli scienziati rimangono perplessi dinanzi a un fenomeno mai visto prima. Centinaia di milioni di insetti migratori stanno attraversando 100 chilometri di mare aperto dal Medio Oriente per raggiungere Cipro in rotta verso l’Europa continentale. A rivelarlo è una ricerca.

In poco più di un mese, gli scienziati hanno registrato l’arrivo di 39 milioni di insetti migratori sulla punta della penisola di Karpaz, nel nord-est di Cipro. Questo è un numero che non è mai stato registrato prima. “Non ho mai visto niente di simile “, ha detto il ricercatore capo Will Hawkes, uno studente di dottorato presso il Center for Ecology and Conservation presso il Penryn Campus dell’Università di Exeter in Cornovaglia. “Il cielo era scuro di tanti insetti e le mosche migratrici ci hanno crivellato, al punto che ci siamo dovuti rifugiare dentro l’auto”, ha spiegato. Karl Wotton, anche lui dell’Università di Exeter, ha aggiunto: “Avevamo la sensazione che questo sarebbe stato un sito importante per la migrazione degli insetti, ma siamo rimasti sorpresi dall’intensità del movimento, raggiungendo una velocità di quasi 6.000 insetti per metro al minuto. “I ricercatori hanno anche esaminato le immagini satellitari per valutare la quantità di crescita della vegetazione invernale. In questo modo, hanno identificato la potenziale origine di questa massiccia migrazione di insetti nei paesi di Siria, Iraq e Arabia Saudita. “Per me, non sono solo i numeri ad essere impressionanti, ma l’assoluta diversità degli insetti migratori”, ha aggiunto Hawkes.

In effetti, in quelle nuvole di insetti c’era un gran numero di libellule imperatorie erranti e farfalle di Painted Lady, ma la stragrande maggioranza (86%) erano tipi di mosche. “Sapere quali insetti stanno migrando è davvero importante”, ha detto Hawkes. “Senza queste informazioni, non possiamo iniziare a capire quali effetti hanno i loro movimenti sul pianeta”. Ad esempio, l’arrivo a Cipro di sirfidi che trasportano il polline di orchidea dall’Asia è una prova di “impollinazione transcontinentale”, ha aggiunto Hawkes.

Questo trasferimento genico a lunga distanza da parte di insetti migratori consente alle piante di mantenere un pool genetico diversificato e potenzialmente mitigare i cambiamenti nelle condizioni ambientali. “Questi insetti migratori sono anche molto importanti a livello ecologico locale”, ha affermato Hawkes. “Abbiamo visto formiche mangiare farfalle Painted Lady e persino locuste e farfalle migratorie mangiate dalle tartarughe”.

Ma spostamenti così numerosi e massicci non dovrebbero suggerire che vi sia una sovrappopolazione di questo tipo di specie. In realtà, gli insetti a livello globale sono minacciati. “Gli insetti migratori sono vulnerabili alla perdita dell’habitat oltre i confini di un paese”, ha affermato Hawkes. “L’attività umana e il cambiamento climatico potrebbero influenzare le rotte migratorie e gli areali di queste specie di insetti, quindi dobbiamo adottare una visione più globale e olistica della conservazione. “Se tutti ci interessiamo a queste straordinarie piccole creature, possiamo proteggerle e quindi raccogliere i frutti per farlo”, ha aggiunto.

L’articolo, pubblicato sulla rivista Ecography, – rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” –  è intitolato: “Enormi migrazioni primaverili di insetti dal Medio Oriente all’Europa: quantificazione dell’insieme migratorio e dei servizi ecosistemici”.

Loading...
Loading...