Loading...

Coronavirus e influenza: la cura della banana

0
6
Virologo scienza
Loading...
Loading...

Virologo scienza

Coronavirus: cura della banana per COVID-19 e l’influenza. Il farmaco sperimentale H84T-VanLec, derivato da una proteina di banana, è stato mostrato in esperimenti su animali per bloccare l’azione di tutti i coronavirus umani conosciuti, inclusi SARS-CoV-2 e la variante Omicron, così come tutti i ceppi influenzali.

Il 13 gennaio 2020 è stato pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences uno studio su un possibile trattamento contro tutti i ceppi conosciuti del virus dell’influenza. Una settimana dopo, il primo caso di coronavirus SARS-CoV-2 è stato confermato in laboratorio, aprendo un ciclo pandemico che è già in corso da più di 2,5 anni e non dice che si chiuderà. È interessante notare, tuttavia, che prima che la pandemia colpisse, il team internazionale di ricercatori dietro lo studio del trattamento dell’influenza candidato aveva anche studiato la sua potenziale efficacia contro i coronavirus. “All’epoca, pensavamo che la MERS dovesse essere il nostro obiettivo principale perché eravamo preoccupati per il suo tasso di mortalità del 35%”, ha affermato David Markovitch, professore di patologia presso il Dipartimento di malattie trasmissibili della University of Washington School of Medicine del Michigan e autore principale dello studio.

Si noti che la MERS (sindrome respiratoria del Medio Oriente) ha causato un breve focolaio nel 2015 che ha provocato 858 decessi confermati. Ora un nuovo studio del team internazionale pubblicato su Cell Reports Medicine fornisce dettagli sul fatto che questo trattamento – nome in codice H84T-BanLec – è efficace non solo contro il virus MERS ma contro tutti i coronavirus conosciuti. Infetta l’uomo, compreso SARS-CoV-2 e la variante Omicron che sta “spazzando” a livello globale. “Quando è apparso il COVID-19, ovviamente abbiamo voluto indagare sulla dinamica del trattamento contro di esso e abbiamo scoperto che era efficace contro ogni tipo di coronavirus, in vitro e in vivo”, ha osservato il dottor Markovic e ha aggiunto: “O quando la somministrazione era sistemica o per via nasale nei modelli animali, sia che il farmaco fosse somministrato come trattamento profilattico o dopo l’inizio dell’infezione ma subito dopo l’inizio dei sintomi, era efficace”.

H84T-BanLec è derivato da una lectina (una proteina legante i carboidrati) isolata dalle banane. Deve le sue grandi proprietà antivirali al fatto che si lega al mannosio, un polisaccaride che si trova sulla superficie dei virus ma molto raramente nelle cellule umane sane. Dopo essersi legato, il virus non è più in grado di penetrare nelle cellule e infettarle. Usando la microscopia a forza atomica e altri metodi correlati, i ricercatori hanno confermato che H84T-BanLec sviluppa forti legami con la proteina spike del coronavirus, il che, secondo il dottor Markovitch, probabilmente spiega perché è difficile per il coronavirus… resistere al lectina. Nonostante il loro potenziale antivirale, le lectine sono … in disparte come terapie antivirali candidate perché sono proteine ​​​​che possono attivare il sistema immunitario in modo dannoso, ha spiegato l’esperto. Ha aggiunto, tuttavia, che H84T-BanLec è stato modificato in modo tale da non avere un effetto aggravante sugli animali da esperimento.

Sebbene esistano diversi trattamenti approvati per COVID-19 tra cui remdesivir, Paxlovid e anticorpi monoclonali, hanno diversi livelli di efficacia, sono associati a effetti collaterali e alcuni di essi si sono dimostrati meno efficaci poiché SARS-CoV-2 continua a mutare. H84T-BanLec, secondo il gruppo di ricerca, è molto promettente perché è efficace contro tutte le varianti di SARS-CoV-2 e anche contro tutti i ceppi di influenza. Il passo successivo per i ricercatori è passare dagli esperimenti sugli animali alle sperimentazioni cliniche sull’uomo. Stimano che in futuro il farmaco potrebbe essere somministrato all’uomo sotto forma di spray nasale o gocce per prevenire o curare il COVID-19 e l’influenza, sia focolai stagionali che potenziali pandemie.

Hanno anche in programma di esaminare la potenziale somministrazione del farmaco contro il cancro poiché le cellule tumorali, come i virus, presentano mannosio sulla loro superficie. Il d-mannosio è uno zucchero semplice, a bassissimo impatto glicemico, in grado di attrarre a sé i batteri causa della cistite.

Loading...
Loading...