Loading...

Mondiali Brasile: Italia eliminata dall’Uruguay, Prandelli si dimette

1
586
Mondiali di calcio 2014, le partite di oggi: Italia-Uruguay, partita da dentro o fuori
Loading...
Loading...

Mondiali di calcio 2014, le partite di oggi: Italia-Uruguay, partita da dentro o fuori

E’ stato un fallimento completo questo Mondiale degli azzurri in Brasile. Contro l’Uruguay ieri sarebbe bastato un pareggio per passare il turno. Prandelli alla vigilia aveva dichiarato che la nostra nazionale sarebbe scesa in campo per vincere, peccato che in campo le cose sono andate molto diversamente, con un primo tempo imbarazzante da parte di entrambi le compagini: l’Italia a giochicchiare con passaggi inconcludenti a centrocampo e l’Uruguay che nonostante gli arieti Suarez e Cavani, non spinge, ma sonnecchia. L’Italia si vede al 12′ dalle parti dell’Uruguay con una punizione calciata da Pirlo, ma Muslera è bravo a deviare. Della presenza di Balotelli ci si accorge solo al 22′ quando l’attaccante del Milan rimedia un cartellino giallo per un intervento fuori misura su Pereira. Lo stesso Immobile che avrebbe dovuto dare profondità alla nostra azione, si vede solo per una girata al volo che non impensierisce l’ex portiere della Lazio. Al 32′ la migliore occasione del match capita agli uruguayani, ma Buffon chiude su Suarez e respinge anche la conclusione di Lodeiro. La ripresa inizia con Parolo al posto di Balotelli, che anche in questa gara ha deluso nettamente le attese. Dopo 15 minuti di sonno da parte di entrambe le nazionali, al 58′ Rodriguez spreca malamente l’occasione per la Celeste ciabattando un diagonale da ottima posizione. Qualche secondo dopo viene espulso Marchisio per un fallo su Arevalo: i tacchetti dell’azzurro addentano il polpaccio dell’avversario, l’arbitro non ha dubbi ed estrae il cartellino rosso, giochiamo in 10 nell’ultima mezz’ora. Ci si aspettebbe quindi un’Uruguay pimpante alla ricerca del gol del vantaggio, niente di tutto questo, i ritmi rimangono blandi e sonnacchiosi. Al 65′ c’è però un acuto di Suarez che conclude di punta ma anche stavolta Buffon risce a salvare. A causa dei crampi Immobile che non aveva fatto granchè, è costretto ad uscire, gli subentra Cassano a cui Prandelli chiede il miracolo di risollevare le sorti di questa partita e della nazionale. Nell’ultimo quarto d’ora dobbiamo fare a meno anche di Verratti, l’unica nota positiva di questo mondiale, che viene sostituito da Thiago Motta (ogni ct ha le sue preferenze ma resterà il mistero da tramandare ai posteri la convocazione di questo giocatore). Al 79′ bisticcio in area di rigore tra Chiellini e Suarez, il difensore della Juventus si lamenta per un presunto morso subito dall’uruguayano. La partita pare avviarsi sullo zero a zero, neanche gli uruguayani sembrano più credere alla qualificazione, ma all’81’ Godin di testa servito da calcio d’angolo, porta in vantaggio i suoi per l’uno a zero dell’Uruguay. L’Italia alla disperata in avanti nei minuti finali riesce a produrre solo una punizione di Pirlo e qualche cross, ma tiri dalle parti di Muslera proprio non se ne vedono. Vince l’Uruguay e passa agli ottavi, eliminazione meritata per gli azzurri.

Loading...
Loading...

1 COMMENT