Loading...

Calciomercato Milan, Berlusconi chiama Ancellotti: pronto il ritorno?

0
Loading...
Loading...

Carletto Ancellotti

I tifosi del Milan dalla memoria lunga non l’hanno di certo dimenticato: Carletto Ancellotti partito un po’ in sordina ha allenato i rossoneri dal 2001 al 2009, vincendo tutto quel che poteva tra campionato e coppe, compresa una Champions League vinta ai rigori proprio contro la Juventus, che aveva allenato due anni prima. Stando a quanto pubblicato dalla Gazzetta dello Sport nell’edizione odierna per Ancellotti potrebbe esserci un ritorno in rossonero. Stando a quanto ricostruito dal quotidiano sportivo, nella giornata di ieri Ancellotti sarebbe stato raggiunto telefonicamente da Silvio Berlusconi per un primo sondaggio in merito alla possibilità di questo ritorno. Naturalmente la trattativa è gravata da molte incognite, prima di tutto quella societaria: in particolare bisognerà valutare se Berlusconi cederà o meno in tutto o in parte il pacchetto azionario della società a Mr Bee o alla cordata cinese, poi si potrà pensare a una rifondazione della squadra. Ancellotti, che in questi anni ha acquisito una grande esperienza internazionale prima alla guida del Chelsea, poi del Psg, quindi delle merengues, è reduce da una stagione non all’altezza delle aspettative: il Real è stato eliminato in semifinale di Champions dalla Juventus ed è secondo in Liga col Barcellona ormai irrangiungibile. Insomma nonostante la vittoria della Champions l’anno scorso (la decima nella storia del club madrileno) i rapporti tra Ancellotti e il club spagnolo si sono molto raffreddati e l’addio appare sempre più probabile. Ingaggiarlo non sarà certo facile considerando che il tecnico di Reggiolo ha un ingaggio di 7,5 milioni di euro che gli scade nel 2016.

 

I rossoneri tra l’altro hanno ancora sul groppone i 9 miliardi di euro lordi da pagare a Seedorf e ad Inzaghi. La società rossonera potrebbe offrire un triennale ad Ancellotti i cui risvolti economici però non sono ancora noti. In ogni caso quello di Ancellotti non sarebbe l’ultimo ritorno celebre sulla panchina rossonera: in passato è già capitato con scarsa fortuna con Sacchi e Capello. Chissà che con Ancellotti chissà non possa essere diverso.

Loading...
Loading...