Loading...

Autunno: attenti ai capelli

0
365
Capelli rimedi caduta
Loading...
Loading...

Capelli rimedi caduta

L’arrivo dell’autunno è sempre complesso per pelle e capelli. Se rinascono e splendono al meglio nel periodo estivo, l’autunno imprime una battuta d’arresto che può tradursi in un aspetto spento e sofferente. È tanto più vero per i capelli che hanno bisogno di cure continue per mantenersi al meglio.

Come aiutare i capelli in autunno

Tra ottobre e novembre, quello che le nonne di tutta Italia definiscono “il periodo delle castagne”, si registra un’impennata nella caduta dei capelli. In questi mesi, infatti, è facile registrare un incremento della caduta dei capelli tra il 20 per cento e il 30 per cento rispetto a quanto accade negli altri mesi dell’anno. Niente paura, però. Il ciclo di vita del capello porta a questo fenomeno che non deve allarmare a meno che non inizi ad assumere caratteristiche particolari che richiedono un confronto con uno specialista. A pesare molto sulla salute dei capelli, secondo gli studiosi, più che le temperature fredde sarebbe il ridotto numero di ore di luce, un elemento che rappresenta un forte stress per cuoio capelluto e capelli.

Come intervenire

Arrestare la caduta dei capelli non è possibile. Non esistono cure miracolose o pillole magiche. È importante, però, sapere che il fenomeno in questi mesi è del tutto normale e che un contributo importante per la salute del capello può arrivare dall’alimentazione, da una corretta alimentazione. I capelli, infatti, traggono nutrimento dai follicoli. È importante, quindi, che questi siano ricchi di vitamine, proteine e fibre da poter trasmettere ai capelli favorendone splendore e salute. Esistono, poi, prodotti naturali che possono aiutare a contrastare anche i danni provocati quotidianamente dall’inquinamento e dallo smog. È il caso, ad esempio, della amla per i capelli, che può essere acquistata anche on line dal portale Shankara. Si tratta di un elemento naturale vero alleato del benessere sia della pelle che dei capelli.

Cos’è l’amla e come si usa. Si tratta dell’uvaspina di origine indiana, il cui nome scientifico è emblicaofficinalis. È una pianta dall’origine molto antica, secondo la tradizione indiana si tratterebbe addirittura del primo albero presente nell’Universo. Tra le sue proprietà: vitamina Ctanninibioflavonoidi e saponine. È un antiossidante molto potente, tanto da essere conosciuto anche come “frutto della giovinezza”. Se applicata sul cuoio capelluto (è possibile acquistarne anche l’olio) contribuisce a rafforzare i follicoli piliferi, contrastando la caduta dei capelli. Inoltre contrasta anche l’ingrigimento degli stessi perché stimola la pigmentazione. È un ottimo elemento per purificare lo stesso cuoio capelluto e liberarlo dall’oppressione dello smog.

Cosa mangiare

Ma un ruolo importante per la salute dei capelli è svolto, come detto, dall’alimentazione. Allora, cosa mangiare? Le verdure a foglia verde scuro (come gli spinaci e le biete), i legumi, i cereali e la carne magra sono ricchi di ferro, un elemento imprescindibile per una capigliatura sana. Una spremuta di limone, oltre a fissare il ferro, arricchisce l’alimentazione con una buona dose di vitamina C. ecco perché si consiglia id bere anche spremute di arancia. Frutta e verdura, poi, sono ricchi di antiossidanti, un toccasana per l’intero organismo. La salute dei capelli passa anche da una buona dose di vitamine del gruppo B che possono essere assunte grazie al latte, alle uova, al pesce o ai piselli, formaggi e lenticchie. La vitamina A, invece, favorisce l’ossigenazione dei tessuti, a partire proprio dal cuoio capelluto. Sì, quindi, a verdure, latte, olio di pesce, uova. Infine, due litri di acqua al giorno garantiscono la corretta idratazione dell’organismo e favoriscono la salute del capello.

Loading...
Loading...