Loading...

Real Madrid-Juve: Buffon fiume in piena contro l’arbitro dopo l’eliminazione

0
Loading...
Loading...

Buffon

La Juventus ieri ha sfiorato l’impresa al Bernabeu contro il Real Madrid nel ritorno dei quarti di Champions. Dopo il tre a zero dell’andata gli uomini di Allegri sono riusciti a realizzare un capolavoro. Al 60′ del secondo tempo grazie alla doppietta di Mandzukic nel primo tempo e la rete di Matuidi nella ripresa, si ritrovano nuovamente in pari. Nell’ultimo minuto di recupero però l’arbitro inglese Michael Oliver, 33 anni compiuti a febbraio, fischia un rigore piuttosto dubbio a favore dei madrileni. Buffon viene espulso per proteste. Cristiano Ronaldo non fallisce dagli undici metri e permette alla sua squadra di qualificarsi per le semifinali. Così si è espresso il capitano bianconero nel dopo partita: “Dopo che all’andata non è stato dato un rigore a noi, non si può avere il cinismo di distruggere una squadra che in campo ha messo tutto, cuore, sacrificio, sudore, ed ergerti a protagonista per un tuo vezzo o perché non hai una personalità adeguata. Un essere umano non può decretare l’uscita di scena per un episodio stradubbio. Se uno non ha la personalità, se ne sta in tribuna con moglie e figli a mangiare le patatine, ma non rovina una partita epica perché non ha la personalità adeguata al compito. A questi livelli devi avere visto la partita di andata, così vedi le cose con equità, oppure hai la sensibilità di un animale”.

 

Il numero uno bianconero sportivamente ha riconosciuto la meritata vittoria da parte degli avversari. “Ha meritato di andare avanti, nelle due partite sono stati bravissimi, rivinceranno la Champions. Loro sono grandissimi, tanti complimenti, ma stasera meritavamo di andare perlomeno ai supplementari”.

Loading...
Loading...