Loading...

Influenza 2019, cosa dobbiamo aspettarci quest’anno

0
Loading...
Loading...

influenza prevenzione

Sono circa 5 milioni gli italiani che quest’anno saranno messi ko dall’influenza. In particolare il picco si raggiungerà per la fine del mese di gennaio. Fabrizio Pregliasco, virologo presso il Dipartimento Scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano, fa il punto circa l’andamento dell’influenza.

Influenza 2019: le cose da sapere

Il virologo spiega che se fino a questo momento per effetto delle temperature clementi registrate in queste festività vi è stata la diffusione soltanto di virus simili all’influenza, il calo repentino delle temperature a cui stiamo assistendo in questi giorni favorisce invece la propagazione del virus influenzale. I ceppi virali influenzali che risultano maggiormente in circolazione quest’anno sono l’A-H3N2, che si presenta particolarmente rischioso per gli anziani e l’A-H1N1, diffuso maggiormente al Sud. Pregliasco precisa che: “Sono virus che mettono a rischio anche i bambini, perché il loro organismo non è mai entrato in contatto con essi e quindi non sono immunizzati”. In ogni caso l’influenza del 2109 è meno aggressiva rispetto a quella del 2108. Il virologo così ne traccia le differenze: “La stagione passata è stata la peggiore degli ultimi 15 anni con 8 milioni e mezzo di persone a letto, 160 casi di morte diretta per polmonite grave, e circa 10 mila persone decedute per complicanze a livello cardiaco e respiratorio“.

 

Virus influenzale: un rimedio naturale

Uno studio condotto da Sandy Allonen, che si occupa di dietetica al Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, ha dimostrato che effettivamente il brodo di pollo rappresenta un rimedio contro influenza e raffreddore. Questo perché il pollo contiene il triptofano, un aminoacido precursore della serotonina, che ne aumenta la produzione da parte dell’organismo. La serotonina è un neurotrasmettitore fondamentale per il nostro benessere psicofisico.

Loading...
Loading...