Loading...

SARS-COV-2 e ricerca: le persone vaccinate possono trasmettere facilmente la mutazione Delta

0
Loading...
Loading...

Italia Regioni Covid

SARS-COV-2 e ricerca: le persone vaccinate possono trasmettere facilmente la mutazione Delta. Una ricerca dell’Imperial College di Londra mostra come la variante Delta altamente contagiosa possa diffondersi anche tra i vaccinati.

Una nuova ricerca dell’Imperial College conferma quanto riportato da altri studi sulla trasmissibilità della mutazione Delta. In particolare, questa ricerca indica che la variante Delta può essere facilmente trasmessa da individui vaccinati, sebbene questi contatti abbiano meno probabilità di contrarre l’infezione se vaccinati. I ricercatori hanno sottolineato che i risultati non hanno minato l’idea che la vaccinazione fosse il modo migliore per ridurre l’incidenza di malattie gravi e hanno sottolineato che erano necessarie dosi di richiamo.

Hanno scoperto che l’infezione nei vaccinati passa più velocemente ma la carica virale massima rimane simile a quella dei non vaccinati. “Attraverso ripetuti e frequenti campionamenti di casi di Covid-19, abbiamo scoperto che gli individui vaccinati possono essere infettati e trasmettere l’infezione ai loro familiari, anche a quelli vaccinati”, ha affermato la dott.ssa Anika Singanayagam, coautrice dello studio. “I nostri risultati forniscono prove importanti del motivo per cui la variante Delta continua a causare un numero elevato di casi in tutto il mondo, anche in paesi con alti tassi di vaccinazione”, ha aggiunto. 621 volontari hanno partecipato allo studio. È stato riscontrato che dei 205 contatti di persone infette dalla variante Delta, il 38%, non vaccinati, è risultato positivo al nuovo coronavirus. Tra i vaccinati, il 25% è risultato positivo.

I vaccinati risultati positivi al Covid-19, in media, erano stati vaccinati molto prima di quelli risultati negativi. Questo, secondo gli autori, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è un’indicazione che l’immunità sta diminuendo nel tempo e rafforza l’argomento secondo cui sono necessarie dosi di richiamo. L’epidemiologo Neil Ferguson ha commentato che l’elevata trasmissibilità di Delta significa che è improbabile che la Gran Bretagna ottenga “l’immunità di gregge” a lungo. “Questo potrebbe accadere nelle prossime settimane: se l’attuale epidemia dell’epidemia raggiunge il picco e poi inizia a diminuire, abbiamo per definizione, in un certo senso, raggiunto l’immunità di gregge, ma questo non sarà permanente”, ha detto ai giornalisti. “L’immunità diminuisce nel tempo, è imperfetta, quindi avremo ancora il contagio ed è per questo che il programma di richiamo è così importante”, ha affermato.

Loading...
Loading...