Loading...

E-cigarette come funzionano e quali sono i modelli più venduti

0
Loading...
Loading...

Sigarette

Le e-cigarette, note anche come sigarette elettroniche, e-cig e svapo, sono entrate in commercio nei primi anni del 2000.
Il primo modello, venduto a Pechino a partire dal 2003, venne realizzato da un farmacista cinese di nome Hon Lik, il quale aveva perso il padre a causa di un tumore ai polmoni causato dal fumo di sigaretta. Da allora le sigarette elettroniche hanno conosciuto un successo crescente, aprendo le porte a un mercato in costante evoluzione. Le e-cigarette vengono scelte da molti fumatori che desiderano smettere di fumare o che vogliono ridurre l’assunzione di sostanze tossiche. D’altronde, come puoi scoprire visitando questa pagina, i benefici di questi dispositivi sono stati confermati da numerosi studi.Ma come funzionano esattamente le sigarette elettroniche? Cosa le differenzia da quelle tradizionali? Quali sono i modelli migliori? Copriamolo insieme.

E-cigarette vs sigaretta tradizionale

Quando si parla di e-cigarette ci si riferisce a quei dispositivi elettronici che permettono di inalare del vapore aromatizzato. A differenza delle sigarette tradizionali, costituite da carta, tabacco e filtro, le e-cigarette presentano due importanti vantaggi:

  • la mancanza di combustione, la quali riduce drasticamente l’aspirazione di sostanze nocive con effetto cancerogeno;
  • la possibilità di ridurre il contenuto di nicotina o di eliminarla del tutto.

Le sensazioni provate da chi fuma una e-cigarette non sono molto diverse da quelle prodotte da una normale sigaretta. Anche la gestualità e il metodo per fumarle sono molto simili, seppure non identici.

In più, le sigarette elettroniche permettono di scegliere un’ampia gamma di aromi che rendono l’esperienza ancora più appagante e meno fastidiosa per chi si trova nei paraggi.

Ricordiamoci che il fumo di sigaretta non è nocivo solo per chi fuma, ma anche per le altre persone.

Com’è fatta la sigaretta elettrica?

Le e-cigarette sono costituite da varie parti:

  • la cartuccia, ossia il serbatoio contenente il liquido aromatizzato
  • l’atomizzatore che permette al dispositivo di trasformare il liquido in vapore aspirabile
  • la batteria al litio ricaricabile per l’alimentazione dell’apparecchio.

In più, a seconda del modello, possono essere presenti elementi aggiuntivi.

Come funziona

Ora che sappiamo quali sono i principali componenti, cerchiamo di capire come funziona questo speciale dispositivo.

L’aria inalata dal fumatore attiva la batteria e mette in moto il meccanismo di vaporizzazione. Questo, scaldando il liquido, lo trasforma in vapore, il quale viene inalato dando una sensazione molto simile a quella del fumo di sigaretta.

Che tipo di liquido viene utilizzato

Il liquido delle e-cig, detto anche e-liquid, è costituito da:

  • glicerolo vegetale e glicole propilene, responsabili dell’effetto fumo che si verifica durante l’espirazione del vapore e dell’effetto hit, ossia la particolare sensazione in gola provocata dalla nicotina delle sigarette tradizionali;
  • aromi in grado di dare gusti sempre nuovi e particolari alle sigarette elettroniche e di aumentare ancora di più l’effetto hit;
  • nicotina, la quale non è sempre presente.

In commercio è possibile trovare sia liquidi già pronti e perfettamente dosati, come nel caso del sito TERPY, sia i singoli componenti da mischiare in base alle proprie esigenze e ai propri gusti.

Ad esempio, chi utilizza le e-cigarette per smettere di fumare potrebbe mischiare da sé i componenti, riducendo poco alla volta il quantitativo di nicotina presente nel liquido.​​​​​​​

 I migliori modelli di e-cigarette

In commercio esistono numerosi modelli di e-cigarette. I migliori, oltre ad avere un buon rapporto qualità-prezzo, devono avere:

  • batteria di lunga durata
  • buona disponibilità di liquidi
  • design piacevole.

I principali modelli di e-cigarette sono:

  • cigalike: si tratta dei primissimi modelli di sigaretta elettronica, molto simili, per forma e colore, alle sigarette tradizionali;
  • personal vaporizer: questo tipo di sigaretta elettronica ha un serbatoio per i liquidi piuttosto grande, il quale permette di utilizzare una maggiore quantità di miscela, arricchendola con diversi aromi. Si tratta del tipo più tradizionale di sigaretta elettronica, ideale per chi sceglie questo dispositivo per smettere di fumare;
  • a tabacco: questo tipo di sigaretta elettronica presenta un componente in ceramica che scalda le cartucce realizzate con tabacco pressato anziché liquido. La tipologia di filtro utilizzata rende l’esperienza molto più simile a quella vissuta fumando le sigarette classiche;
  • a ultrasuoni: si tratta di modelli davvero innovativi di ultima generazione che permettono di trasformare il liquido in vapore attraverso un chip vibrante. Questo tipo di meccanismo permette di aspirare vapore più pulito e di percepire l’aroma del liquido in modo più intenso.

Se state acquistando la vostra prima e-cigarette, puntate su uno starter kit, in cui troverete tutti i componenti di cui avete bisogno per iniziare subito a utilizzarla.

Loading...
Loading...