Loading...

Rilevato il fulmine più grande del mondo: 768 chilometri di lunghezza

0
123
Fulmine
Loading...
Loading...

È successo nel 2020 negli Stati Uniti e ha coperto una distanza equivalente a quella tra Fasano e Ferrara in Italia

Fulmine

Un solo fulmine negli Stati Uniti quasi due anni fa ha attraversato il cielo per quasi 770 chilometri, stabilendo così un nuovo record mondiale, hanno riferito martedì le Nazioni Unite. È, finora, il più grande fulmine del mondo. Questo fenomeno, registrato nel sud degli Stati Uniti il ​​29 aprile 2020, si estendeva per 768 chilometri, attraverso Mississippi, Louisiana e Texas, secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), che dipende dalle Nazioni Unite.

Questa lunghezza è equivalente alla distanza in linea retta tra le città di Fasano e Ferrara in Italia. Il fulmine è durato circa 60 chilometri in più rispetto al record precedente, stabilito nel sud del Brasile il 31 ottobre 2018. Inoltre, il Comitato di esperti dell’OMM su Weather and Climate Extremes ha anche riportato un nuovo record mondiale per la durata di un fulmine. Questo altro record corrisponde a un fulmine che si è sviluppato ininterrottamente a causa di una tempesta elettrica sull’Uruguay e sull’Argentina settentrionale il 18 giugno 2020 ed è durato 17,1 secondi, ovvero 0,37 secondi in più rispetto al record precedente, stabilito il 4 marzo 2019, anche in Argentina settentrionale.

“Questi sono record straordinari”, afferma nella dichiarazione Randall Cerveny, relatore dell’OMM su Extreme Weather and Climate. “Gli estremi ambientali sono misure viventi del potere della natura, così come il progresso scientifico che consente di effettuare tali valutazioni”, ha aggiunto.

La tecnologia utilizzata per rilevare la lunghezza e la durata dei fulmini è migliorata notevolmente negli ultimi anni, consentendo record molto più grandi del solito. I grandi fulmini registrati nel 2018 e nel 2019 sono stati i primi ad essere verificati utilizzando la nuova tecnologia satellitare, che è migliorata rispetto ai sistemi precedenti che utilizzavano i dati raccolti con la tecnologia terrestre.”È probabile che esistano ancora fulmini estremi ancora più grandi e che potremmo essere in grado di osservarli man mano che la tecnologia di rilevamento migliora”, ha affermato Cerveny. L’OMM ha evidenziato che questi record si sono verificati nelle Grandi Pianure in Nord America e nel bacino di La Plata in Sud America, noti punti critici per le tempeste elettriche nel cosiddetto Mesoscale Convective System (MCS), soggetto a questi fenomeni.

“I fulmini sono un grave pericolo che miete molte vite ogni anno “, ha detto il capo dell’OMM Petteri Taalas in una dichiarazione. L’OMM ricorda che gli unici luoghi sicuri contro i fulmini sono grandi edifici o veicoli completamente chiusi con tetti di metallo. L’agenzia delle Nazioni Unite conserva record globali ufficiali per una varietà di statistiche meteorologiche e climatiche, tra cui temperatura, precipitazioni e vento. Tutti questi dati sono archiviati nell’archivio WMO Weather and Climate Extremes. Il file attualmente include altri due parametri relativi ai fulmini. Uno riguarda il numero di persone uccise da un fulmine diretto, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello  “Sportello dei Diritti”, come quando 21 persone morirono in Zimbabwe nel 1975 mentre si rannicchiavano in salvo in una baracca colpita da un fulmine. L’altro riguarda gli attacchi indiretti, come è avvenuto a Dronka, in Egitto, dove 469 persone sono morte nel 1994 quando un fulmine ha colpito un gruppo di serbatoi di petrolio, provocando un massacro.

Loading...
Loading...