Loading...

Truffa risparmio: un pensionato di 83 anni perde 500.000 euro iscrivendosi a una falsa banca online

0
30
banca
Loading...
Loading...

Truffa risparmio: un pensionato di 83 anni perde 500.000 euro iscrivendosi a una falsa banca online.

banca

Ultimamente le truffe su internet sono in aumento. Questa volta a pagarne il prezzo è stata una pensionata di 83 anni: ha perso 500mila euro dopo essersi abbonata a una finta banca online. Pensava di ottenere un buon affare. In un servizio trasmesso nel telegiornale francese di TF1del 16 maggio, è stata raccontata la storia di Béatrice, una pensionata di 83 anni. Nel 2021, navigando in Internet, si è imbattuta in un sito che si presentava come quello di una banca olandese e le proponeva un tasso di interesse del 3,3% per un conto di risparmio. Decide di investire lì 500.000 euro dopo la vendita di un appartamento di famiglia.

Ma a pochi giorni dai bonifici l’amarissima sorpresa: “non si risponde più al telefono e non c’è più modo di entrare nell’area clienti”, spiega ai nostri colleghi colui che poi capisce di essere stato vittima di una truffa. Ma la pensionata, che ha sporto denuncia contro la sua ex banca, che accusa di aver autorizzato il trasferimento al sito fraudolento senza verificarne l’autenticità, non è l’unica ad essere stata ingannata negli ultimi tempi. Perché queste procedure fraudolente sono spesso molto ben nascoste.

“Ti imbatti in una persona che è uno specialista e che è in grado di parlarti per ore del prodotto che ha in vendita”, afferma Guy Grandgirard, presidente dell’Associazione dei consumatori francesi (ADC). Di fronte alla recrudescenza di queste truffe, è necessario prestare la massima attenzione. Come riporta Money Vox, la Banque de France ha ripreso l’argomento e sta cercando di fare prevenzione. “Un conto di risparmio a un tasso imbattibile? Con un rendimento molto più alto di quelli solitamente offerti dalle banche? Senza alcun rischio? E disponibile in qualsiasi momento?  Attenti alle promesse troppo belle per essere vere!”, scrive sul suo sito web. Invita le vittime di queste truffe ad avvisare rapidamente il proprio istituto bancario per richiedere un promemoria dei fondi prima di presentare un reclamo. L’Autorità per i mercati finanziari, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha stilato una lista nera di siti o enti non autorizzati a offrire investimenti.

Loading...
Loading...