Loading...

Primo paziente vaccinato con un virus che uccide il cancro

0
10
Virologo scienza
Loading...
Loading...

Virologo scienza

Primo paziente vaccinato con un virus che uccide il cancro. Vaxinia è progettato per infettare, moltiplicare e uccidere le cellule tumorali risparmiando le cellule sane. Nell’ambito di uno studio, a 100 malati di cancro negli Stati Uniti e in Australia viene iniettato il virus “Vaxinia”che uccide il cancro. Dovrebbe ridurre il cancro.

Una ricerca rivoluzionaria da parte di un team di medici statunitensi potrebbe significare una cura rivoluzionaria per il cancro. Gli scienziati hanno iniettato al primo paziente umano un nuovo virus che uccide il cancro chiamato Vaxinia. Il farmaco ha già avuto successo negli studi sugli animali, portando scienziati e professionisti medici ad avere grandi speranze per i risultati umani. Finora, il virus oncolitico ha dimostrato di ridurre i tumori del colon, del polmone, della mammella, delle ovaie e del pancreas negli studi sugli animali. Il farmaco è stato sviluppato da un team congiunto degli istituti di ricerca sul cancro “Imugene Limited” e “City of Hope”.

L’oncologo dott. Daneng Li di City of Hope ha guidato la ricerca rivoluzionaria. In una dichiarazione, ha espresso le sue grandi speranze per la sperimentazione clinica: “La nostra precedente ricerca ha dimostrato che i virus oncolitici possono stimolare il sistema immunitario a rispondere al cancro per rispondere e ucciderlo, e che possono stimolare il sistema immunitario a rispondere meglio ad altre immunoterapie, inclusi gli inibitori del checkpoint”, ha affermato il dottor Li.

L’immunoterapia è un tipo di trattamento del cancro che potenzia le difese naturali del corpo per combattere il cellule mutate Il Dr. Li ha aggiunto: “Ora è il momento di migliorare ulteriormente l’efficacia dell’immunoterapia e crediamo che Vaxinia abbia il potenziale per migliorare i risultati per i nostri pazienti nella loro lotta contro il cancro”.

Il virus geneticamente modificato è progettato per infettare, moltiplicare e uccidere le cellule tumorali risparmiando le cellule sane. Gli inibitori del checkpoint immunitario hanno dimostrato di essere efficaci in alcuni tipi di cancro, ma i pazienti spesso ricadono o non rispondono al trattamento. Il principale sviluppatore del virus geneticamente modificato a “City of Hope”, il dott. Yuman Fong ha spiegato che i fallimenti di altre comuni terapie contro il cancro sono ciò che rende Vaxinia così efficace. “È interessante notare che sono le stesse proprietà che alla fine rendono le cellule tumorali resistenti alla chemioterapia o alle radiazioni che amplificano il successo dei virus oncolitici come Vaxinia, afferma Fong. Lo studio arruolerà 100 pazienti in circa 10 centri di studio negli Stati Uniti e in Australia.

Per essere ammessi allo studio, i malati di cancro negli Stati Uniti e in Australia devono avere tumori solidi metastatici o avanzati e aver provato almeno altri due tipi di trattamenti per uccidere le cellule tumorali. Il trattamento viene somministrato ai pazienti tramite iniezione o per via endovenosa. Gli studi clinici dovrebbero essere completati entro l’inizio del 2025. I checkpoint immunitari sono importanti punti di controllo del sistema immunitario. Gli inibitori del checkpoint sono considerati un approccio relativamente nuovo nella terapia oncologica. Non solo possono essere annoverati tra i cosiddetti farmaci mirati, ma appartengono anche alle metodiche immunoterapiche. In quanto anticorpi, non agiscono direttamente contro le cellule tumorali. Intervengono piuttosto nel controllo della risposta immunitaria contro i tumori, ai cosiddetti checkpoint immunitari: si tratta di diversi importanti punti di commutazione del sistema immunitario in corrispondenza dei quali le proteine ​​cellulari assicurano che anche una reazione immunitaria in corso venga nuovamente interrotta. Questo controllo della reazione immunitaria è particolarmente importante al fine di prevenire una reazione autoimmune in cui i linfociti T attaccherebbero a lungo termine il tessuto stesso del paziente. Tuttavia, questo “freno” mirato alla reazione immunitaria contro il proprio corpo avvantaggia anche alcune cellule tumorali. Dal momento che hanno ancora molte caratteristiche del loro tessuto originale, possono disattivare i tipici checkpoint e quindi i linfociti T che sono effettivamente diretti contro di loro. Non sono “proiettili d’argento”: l’effetto di solito si manifesta solo dopo alcune settimane e non tutte le persone colpite rispondono agli inibitori del checkpoint immunitario. Finora, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non è chiaro quali pazienti rispondono alla terapia e perché il trattamento fallisce negli altri.

Loading...
Loading...