Loading...

Calcio: le notti insonni di Morata dopo Berlino

0
Loading...
Loading...

Alvaro Morata

Dal ritiro della sua nazionale a Minsk Morata ha rilasciato una intervista al quotidiano spagnolo Marca. L’attaccante della Juventus in particolare si è soffermato sulla finale di Champions persa a Berlino contro il Barcellona: “Ho passato diverse notti insonni. Certo, una finale può ricapitare, ma intanto questa se ne è andata. Dovrà servirci da lezione“. L’ex attaccante del Real Madrid che però ha un diritto di riacquisto, è risultato determinante soprattutto in Champions trascinando i bianconeri fino alla finale della massima competizione europea. Anche con i blaugrana lo spagnolo è riuscito a firmare il momentaneo pareggio dei bianconeri. Insomma la sua prima stagione in bianconero è stata da incorniciare. A tal proposito lo stesso attaccante è entusiasta e spera di proseguire la sua carriera in bianconero, Real permettendo: “Sono felice a Torino. Ci ho trascorso solo un anno, ma sembra che siano sei o sette: non potrei star meglio“. L’attaccante spagnolo ha sottolineato anche come quest’anno sia stato fondamentale per la sua crescita calcistica perché in Italia le difese sono molto difficili da superare rispetto a quelle “burrose” spagnole per cui un attaccante deve riuscire a capitalizzare al massimo le poche occasioni che ha nel corso di un match: “Quest’anno ho imparato piu’ che in tutta la mia vita. Segnare in Italia e’ molto piu’ difficile, sono bravissimi a difendere. In Spagna ti arrivano sette occasioni limpide a partita, in Italia pochi palloni chiari“.

 

Insomma non si sa ancora se resterà in bianconero anche la prossima stagione o se il Real eserciterà il diritto di recompra, fatto sta che il giovane attaccante spagnolo in appena un anno è diventato una pedina importante nello scacchiere tattico dei bianconeri.

Loading...
Loading...