Loading...

Sudore delle mani: in futuro potrebbe ricaricare i cellulari

0
Loading...
Loading...

mano destrimani o mancini

Il sudore delle mani dovrebbe ricaricare i telefoni cellulari in futuro. Ricercatori statunitensi hanno inventato un chip che converte il sudore in elettricità.

I ricercatori dell’Università della California hanno inventato un chip che raccoglie il sudore sulla punta del dito. Questo può essere utilizzato per generare elettricità. Le mani sudate tendono ad essere fastidiose, ma possono anche essere molto utili. Questo è ciò che hanno scoperto i ricercatori dell’Università della California. Perché hanno sviluppato una specie di chip che può essere attaccato al dito e raccogliere il sudore lì. Questo può quindi essere convertito in elettricità, con la quale è possibile caricare i dispositivi elettrici.

I chip sono sensori di circa un centimetro quadrato che vengono fissati al polpastrello con un cerotto. A differenza di altri dispositivi indossabili che producono la propria energia, non devi fare sport extra o esporlo alla luce del sole per questo nuovo chip. La produzione di sudore della mano dovrebbe essere sufficiente per questo, anche se chi lo indossa non si muove o dorme. Funziona perché le persone sudano di più sulla punta delle dita che su qualsiasi altra parte del corpo. Altri posti, come le ascelle, sembrano sudare di più, ma questo è ingannevole. Perché i polpastrelli sono costantemente esposti all’aria fresca, motivo per cui il sudore evapora rapidamente lì. In effetti, le dita hanno la più alta concentrazione di ghiandole sudoripare sul corpo. Il nuovo chip fa uso di questo. Non appena chi lo indossa inizia a sudare o fa pressione sul chip, converte questi impulsi in elettricità. Oltre a sudare, il chip può anche generare energia quando si digita sullo smartphone o si suona il pianoforte, ad esempio.

Secondo Lu Yin, che è stato coinvolto nella ricerca, realizzare i chip così piccoli da adattarsi alla punta di un dito è stato estremamente difficile e ha richiesto l’uso di materiali altamente specializzati. I conduttori elettrici dovevano essere estremamente piccoli. Alla fine, i ricercatori sono riusciti a produrre elettrodi da schiuma di carbonio in grado di assorbire il sudore delle dita. Gli enzimi su questi elettrodi alla fine innescano una reazione chimica che produce lattato e ossigeno, che a loro volta possono essere utilizzati per generare elettricità.

“Il materiale di cui è fatto il chip è flessibile, quindi non ti senti come se avessi una piastra rigida attaccata alla punta delle dita”, ha detto Yin a Dailymail.co.ukai media. Pertanto, l’invenzione può essere facilmente indossata per un lungo periodo di tempo. Le misurazioni mostrano che è possibile ottenere circa 400 millijoule di energia dopo circa dieci ore di sonno. Sarebbe sufficiente per alimentare un semplice orologio elettronico per circa 24 ore. Un’ora di digitazione al computer ha prodotto circa 30 millijoule. “Chiamiamo questa produzione massima di energia per il tempo investito”, spiega il professor Joseph Wang, che ha supervisionato lo studio. “Con altri dispositivi indossabili che producono elettricità, devi usare molta energia, come l’esercizio, per generare una quantità simile di elettricità. Ma quando dormi, non usi affatto energia aggiuntiva”.

Tuttavia, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, gli scienziati stanno lavorando per rendere i chip ancora più efficienti dal punto di vista energetico. “Non volevamo solo dimostrare di aver creato qualcosa di interessante in grado di produrre piccole quantità di energia. Vogliamo dimostrare che la nostra invenzione può essere davvero utile, ad esempio per alimentare sensori o display di telefoni cellulari”, ha dichiarato Wang.

Loading...
Loading...