Loading...

Dittatura e sfruttamento dello sport per eliminare gli oppositori politici

0
3
Loading...
Loading...

Le dittature usano gli eventi sportivi come cortina fumogena per la repressione politica. Un nuovo studio dell’Università di Copenaghen mostra una connessione sistematica tra i principali eventi sportivi nelle autocrazie e la persecuzione degli oppositori politici.

Lo sfruttamento da parte delle dittature dei principali eventi sportivi non è un fenomeno nuovo: alla Coppa del Mondo FIFA del 1978, il governo militare argentino ha utilizzato l’hosting del paese per esercitare la repressione statale sia prima, durante e dopo il torneo, documentano i ricercatori.

A novembre si svolgerà in Qatar la Coppa del Mondo FIFA 2022. Consentire alla monarchia del Golfo, nota per non prendere sul serio i diritti umani, di ospitare uno dei più grandi eventi sportivi del mondo è stata accolta con critiche diffuse. Altri sostengono che può promuovere il dialogo e la comprensione dei diritti umani quando le dittature possono organizzare eventi sportivi internazionali.

Tuttavia, un nuovo studio di Adam Scharpf, assistente professore all’Università di Copenaghen, e dei suoi colleghi della Hertie School e della Carnegie Mellon University, getta una luce deprimente sulla questione. Lo studio mostra che gli eventi sportivi internazionali spesso innescano un’ondata di repressione quando si svolgono nelle autocrazie. In particolare, i regimi usano il preludio ai grandi eventi sportivi per reprimere i potenziali “disturbatori”, tipicamente dissidenti e oppositori politici. I ricercatori trovano un esempio fondamentale in Argentina, dove una dittatura militare ha ospitato la Coppa del Mondo di calcio nel 1978. Qui, i ricercatori hanno esaminato le circostanze delle migliaia di sparizioni e omicidi presentati dalla Commissione argentina per la verità dopo la caduta della dittatura nel 1983. I risultati rivelano tre fasi della repressione statale: prima, durante e dopo i Mondiali. “Diverse settimane prima della partita di apertura, il regime argentino ha condotto un’operazione enorme, in cui le autorità hanno rapito o ucciso sistematicamente potenziali piantagrane, soprattutto di notte e nelle prime ore del mattino”, afferma Adam Scharpf. Egli elabora: “Durante i Mondiali stessi, il regime ha colpito con discrezione mentre si giocavano le partite e i giornalisti erano impegnati a seguire le partite. Dopo la finale e la partenza dei giornalisti stranieri, il regime ha intensificato un’altra ondata di violenze”, spiega Adam Scharpf.

Secondo gli autori, i regimi autocratici effettuano un’analisi costi-benefici a sangue freddo in quanto ospiti di eventi sportivi internazionali. Una volta che le competizioni sono in corso, gli autocrati ricevono un’attenzione quasi indivisa da tutto il mondo. Usano quell’attenzione per dipingere un quadro di apertura, ospitalità e solidarietà. “Ma le luci della ribalta contengono anche i pericoli per chi è al potere. I loro oppositori politici possono usare gli eventi sportivi per dimostrare il loro malcontento, sotto la protezione indiretta dei giornalisti stranieri. Ecco perché gli autocrati se la prendono con i loro critici prima che si svolgano gli eventi sportivi “, sottolinea Adam Scharpf.

Lui e i suoi colleghi di ricerca hanno trovato segni di un simile modello di violenza alle Olimpiadi del 1936 tenutesi a Berlino (ospitate dal regime nazista), al leggendario incontro di boxe “The Rumble in the Jungle” tra Muhammed Ali e George Foreman nello Zaire (sotto il dittatore Mobutu Sese Seko) e alle Olimpiadi di Pechino 2008. “Abbiamo scoperto una tendenza chiara e molto preoccupante, anche perché la proporzione di ospiti autocratici di grandi eventi sportivi è più che quadruplicata dalla fine della Guerra Fredda”, sottolinea Adam Scharpf.

Conclude che, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, l’assegnazione di eventi sportivi internazionali alle dittature non fa che esacerbare le violazioni dei diritti umani.

Loading...
Loading...