Loading...

Sicurezza alimentare: le cose da sapere

0
30
Sicurezza alimentare
Loading...
Loading...

Sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare costituisce un aspetto fondamentale relativo al diritto alla salute e alla corretta informazione da parte dei consumatori. D’altronde col termine sicurezza si fa riferimento non soltanto all’igiene del cibo, ma anche di chi vi viene in contatto e quindi lo manipola, agli aspetti microbiologi, agli imballaggi utilizzati. Il primo veicolo informativo che abbiamo a disposizione ci è dato dalle etichette che devono fornirci alcune informazioni essenziali sul prodotto acquistato. Tenendo conto che al giorno d’oggi con la globalizzazione sulle nostre tavole possano finire prodotti alimentari provenienti da grandi distanze, magari da paesi esotici la cui legislazione non è vincolante come quella europea, ci si rende conto di quanto sia importante il rispetto di alcune norme per garantire la salute dei consumatori.

Sicurezza alimentare: le norme da rispettare

L’etichetta è l’insieme delle indicazioni che vengono riportate sull’involucro dei prodotti preconfezionati, oppure sul cartello che deve essere presente per la messa in vendita dei prodotti che invece sono distribuiti allo stato fuso. Ad esempio risultano obbligatorie le indicazioni relative alla denominazione di vendita che riguardano il nome vero del prodotto, nel senso che non può essere nè generico nè di fantasia, l’elenco degli ingredienti posti secondo un ordine di quantità decrescente, il peso netto che viene specificato dalla lettera e il termine minimo di conservazione e la data di scadenza nel caso di prodotti che risultano particolarmente deperibili da un punto di vista microbiologico. Inoltre anche la pubblicità relativa ai prodotti alimentari non deve indurre in errore l’acquirente riguardo alle caratteristiche del prodotto. Ad esempio è fatto divieto di fare rifermento a presunte proprietà terapeutiche o medicamentose dei prodotti alimentari. Più restrittive risultano le norme relative ai prodotti dietetici o quelli relativi a una fascia di pubblico particolare, ad esempio gli alimenti per la prima infanzia.

Inoltre le nuove normative sull’informazione alimentare verso i consumatori (entrate già in vigore nel 2011) sono diventate obbligatorie a partire dal 13 dicembre 2016. In questo senso l’obiettivo di fondo perseguito dalla comunità euroea è di fornire ai consumatori informazioni sempre più chiare e trasparenti sui prodotti, di modo che la scelta dei consumatori possa essere sempre critica e responsabile.

A livello mondiale gli organismi internazionali che si occupano di sicurezza alimentare sono la Fao e  l’Oms. Già a partire dal 1963 le due organizzazioni hanno dato vita al Codex Alimentarius, un programma che ha come obiettivo di sviluppare standard e linee guida intese a tutelare la salute dei consumatori.

Indubbiamente dal dopoguerra in poi le abitudini alimentari sono cambiate, così come i metodi di coltivazione e di allevamento e soprattutto si è assistito al processo di industrializzazione nella produzione degli alimenti.

Loading...
Loading...